Cinema

Auto Added by WPeMatico

Fuori sala, il grande cinema a casa vostra

Per gli appassionati di classici e cult movie, famosi o misconosciuti che siano, una nuova offerta in streaming con il ricco e qualificato catalogo de Il cinema ritrovato

Tempi nuovi per i festival di cinema, causa pandemia. Càpita così che uno degli eventi più importanti di settore, il festival “Il cinema ritrovato” di Bologna, dedicato alla storia del cinema, entri nelle nostre case a portare ogni mese un’offerta di non meno di 15 film, sempre accompagnati dal supporto di critici, registi, testimoni.

Dal 18 febbraio  fino a metà giugno, un vasto programma di film da vedere in streaming su Mymovies, senza limiti di orario, al costo promozionale di 12 euro al mese, oppure in abbonamento speciale al costo di 40 euro complessivi.

Piccoli e grandi capolavori, introvabili cult movies, opere dimenticate, film muti… tutto questo è “Il cinema ritrovato”, oggi in versione Fuori sala: nelle case degli appassionati, per l’appunto.

Il primo titolo da segnalare è senz’altro Break Up-L’uomo dei cinque palloni (1963) di Marco Ferreri, restaurato da Cineteca di Bologna e Museo Nazionale del Cinema di Torino in collaborazione con Warner Bros, un piccolo capolavoro misconosciuto, a causa dei problemi avuti all’epoca con la censura (nella foto in alto).

L’articolo Fuori sala, il grande cinema a casa vostra sembra essere il primo su Tutto Digitale.

Hitchcock & Universal Pictures: il maestro del brivido in mostra a Monza

Oltre 70 fotografie, 14 film e vari contenuti speciali per immergersi nei backstage dei principali cult del mago della suspense: in calendario a fino al 28 marzo

Hitch is back. Riapre il 22 febbraio all’Arengario di Monza – e sarà di scena fino al 28 marzo – l’evento “Alfred Hitchcock nei film della Universal Pictures”, definita come “la mostra che indaga la figura del regista del brivido”.

La rassegna, curata da Gianni Canova, racconta la parabola artistica del Maestro britannico – scomparso nel 1980 – attraverso 70 fotografie, vari film e contenuti speciali provenienti dagli archivi della major americana.

Un menu che condurrà il pubblico nel backstage dei principali cult del prolifico autore – 54 film nell’arco di 56 anni – facendo scoprire particolari curiosi sulla realizzazione delle scene più celebri, sull’impiego dei primi effetti speciali, sugli attori e sulla vita privata del regista, ritenuto uno dei principali e più influenti innovatori della storia del cinema per il suo ingegno, le trame avvincenti, la gestione delle camere da presa, l’originale stile di montaggio, l’abilità nel tener viva la tensione in ogni singolo fotogramma.

Alfred Hitchcock, Uccelli, 1963 © Universal Pictures

Qui sopra, Alfred Hitchcock, Uccelli, 1963 © Universal Pictures

Un percorso scandito dai tanti cult movies prodotti da Universal (Psyco, La finestra sul cortile, Gli uccelli, La donna che visse due volte, Marnie e altri ancora) e materiale fotografico di altri celebri film come Sabotatori (1942), L’ombra del dubbio (1943), Nodo alla gola (1948), La congiura degli innocenti (1955), L’uomo che sapeva troppo (1956), Marnie (1964), Il sipario strappato (1966), Topaz (1969),  Frenzy (1972) e Complotto di famiglia (1976).

“Hitchcock – afferma Gianni Canova – è stato uno dei più grandi creatori di forme di tutto il Novecento. I suoi film, per quante volte li si riveda, sono ogni volta una sorpresa. Ogni volta aprono nuove prospettive attraverso cui osservare il mondo e guardare la vita”.

Per saperne di più sulla mostra

Immagine sotto al titolo, Alfred Hitchcock, La finestra sul cortile, 1954  © Universal Pictures

Alfred Hitchcock, L’uomo che sapeva troppo, 1956 © Universal Pictures

Alfred Hitchcock, L’uomo che sapeva troppo, 1956 © Universal Pictures

L’articolo Hitchcock & Universal Pictures: il maestro del brivido in mostra a Monza sembra essere il primo su Tutto Digitale.

New addition to Sony’s Cinema Line On The Way

In some regards this is now already old news. I’m under NDA so there are limits as to what I can, or what I should write. Hopefully I won’t get into too much trouble if I point out that there are already a lot of rumours circulating right now that a new camera called the FX3 might be about to be launched. The official line is that there is going to be an announcement on the 23rd of February, just a week from now.  So why not just chill out for a one week as then you will be able to get the full facts about whatever it is that’s going to be added to the Cinema Line. 

Sony’s Next Camera is the Cine/Alpha Hybrid FX3: Report

A pair of photos have emerged that appear to show Sony’s next camera, depicting a look that combines the body profile of the Alpha series with cinema camera buttons. Called the FX3, it shares much in common with the design philosophy of the Blackmagic Pocket Cinema Camera.

In the two images that have leaked online, one appears to show that the camera is far more than an idea and very likely currently in the field testing.

The photo has been deleted by its original uploader but shared on Twitter. The text “Cinema Line FX3” is visible on the top of the camera across from a traditional hot shoe mount and what appears to be a multi-directional joystick and a large “record” button.

That joystick, which would normally be on the back of the camera, may have been relocated to make room for the much larger multi-angle rear-LCD which appears to be similar to the design found on the Panasonic Lumix S1H which, while slightly bulkier, is considered one of the best vari-angle LCD designs in an SLR-like camera. The back of the FX3 appears to be otherwise quite similar to other Sony Alpha bodies.

The main rectangle of the camera body seems to be made of metal and also clearly screw points (like a built-in cheese plate) for attaching the FX3 into larger camera rigs. The protruding handgrip has the typical still-camera shutter button and toothed dial, but in the second leaked image looks to be made of a different material than the rest of the body, likely plastic.

The inclusion of that frontmost button would seem to indicate that the FX3 is designed to shoot still images as well as capture video, despite its “cinema line” designation.

The entire package looks very compact and similar in size to the a7C or the a7 III, leading many to assume this is a full-frame compact cinema camera designed to compete directly against the S1H and Blackmagic Pocket Cinema Camera in which, as mentioned, the FX3 shares many design choices in common.

Further unverified rumors claim the camera will record 4K at up to 120 frames per second, will not support 8K recording, will take CFexpress Type-A cards (like the a7S III and Alpha 1) and cost 3,750 Euro (~$4,600).

(via Sony Alpha Rumors)

Il meglio deve ancora venire (recensione BD)

Dagli autori del fortunato Cena tra amici, Matthieu Delaporte e Alexandre De La Patellière, ecco un’altra storia capace di commuovere e divertire

Due amici di vecchia data, diversi ma molto affiatati, ad un certo punto vivono una fase del loro rapporto di lunga data che in qualche modo ricorda la commedia degli equivoci, ma che in realtà è drammatica. Da qui, si sviluppa una storia nella storia che fa sorridere e riflettere allo stesso tempo.
Collante di tutto, il valore dell’amicizia, che ha la forza capace di superare (quasi) ogni difficoltà.

Il meglio deve ancora venire

Edizione su Blu-ray disc più che corretta sia per quello che riguarda l’immagine che la resa del suono; contenuti extra limitati però al solo trailer ufficiale.

Film:  8/10
Wow:  7/10
Tecnica: 8/10
Extra:  6/10
Overall: 8/10

Il meglio deve ancora venire
Drammatico – Lucky Red
di  Alexandre de La Patellière e Matthieu Delaporte, con Fabrice Luchini, Patrick Bruel, Zineb Triki; 2019; 116’; DTS-HD MA 5.1 (ita, fra); sott. ita, ita nu; 2.35:1; 16,90 euro

Il meglio deve ancora venire

L’articolo Il meglio deve ancora venire (recensione BD) sembra essere il primo su Tutto Digitale.

Ischia Film Festival edizione 2021

Dal 26 giugno al 3 luglio torna – con la formula ibrida adottata lo scorso anno – l’Ischia Film Festival

Segnate in agenda queste date: 26 giugno-3 luglio 2021. Una settimana di full immersione nel grande cinema, un appuntamento imperdibile organizzato, ormai da diciannove anni, nell’isola verde, la magnifica Ischia.

La diciannovesima edizione dell’Ischia Film Festival si terrà al Castello Aragonese, puntando anche quest’anno sulla fortunata formula ibrida attività web/attività in presenza adottata la scorsa estate (iniziativa che peraltro, di fatto, sancì il momento della ripartenza per gli eventi cinematografici in Italia dopo il lockdown).

Sono già aperte le iscrizioni al concorso, che saranno accettate esclusivamente attraverso la piattaforma Filmfreeway; deadline, come ogni anno, il 10 marzo (per iscrizioni film e informazioni collegarsi qui).
Rispettando le normative che verranno imposte dai DCPM e dalla Regione per il periodo in oggetto, le serate – come accaduto per l’edizione 2020- si svolgeranno in presenza di talent e pubblico al Castello Aragonese e on line per la sola sezione fuori concorso.

“Grazie alle nuove tecnologie avremo la possibilità di far immergere direttamente da casa in diretta gli spettatori da tutto il mondo direttamente nelle straordinarie location del festival al Castello, in attesa di festeggiare il ventennale del festival nel 2022 e l’auspicabile fine di questa pandemia”, ha dichiarato il fondatore e direttore del Festival Michelangelo Messina.

L’Ischia Film Festival è sostenuto dalla Regione Campania, dalla Direzione Cinema del Mibact, da sponsor privati… e naturalmente da Tutto Digitale, fin dall’inizio di questa bella avventura!

www.ischiafilmfestival.it

L’articolo Ischia Film Festival edizione 2021 sembra essere il primo su Tutto Digitale.

La settima arte in una biblioteca di quartiere

A Roma, nella sede istituzionale del Municipio III di Piazza Sempione, è stata inaugurata una nuova biblioteca,  Fondo Francesco Traiano

Ci sono notizie che scaldano il cuore. Quelle che, se le leggi o le senti, instillano speranza e voglia di credere in un mondo che può essere migliore se condiviso.

In alcuni locali della sede del Municipio III di Roma, in Piazza Sempione 15, è stata inaugurata una ‘piccola’ biblioteca intitolata a Francesco Troiano, giovane giornalista scomparso prematuramente.

Fondo Francesco Troiano

In un paio di locali ristrutturati di recente, sono stati raccolti più di diecimila tra libri, DVD e CD. Tutto il materiale è frutto della donazione fatta da Moisè Troiano, il papà di Francesco.
Qualche mese il Sig. Moisè  aveva contattato il Presidente Giovanni Caudo e l’assessore alla cultura Christian Raimo per informarli delle sue intenzioni. Da quel momento, anche con la collaborazione dell’Istituzione Sistema Biblioteche Centri Culturali, è stato dato il via al progetto.

La catalogazione è ancora in corso e appena verrà ultimata, nel rispetto delle regole dettate dall’emergenza Covid, la biblioteca sarà attiva per il prestito. Poi, ad emergenza rientrata, rimarrà aperta più o meno negli stessi orari del municipio (9:00- 18:00).

Fondo Francesco Troiano

Come ha dichiarato Giovanni Caudo, si tratta di “una collezione ragguardevole di libri anche rari, soprattutto a contenuto cinematografico, DVD e CD che sarà messa a disposizione di chiunque ne faccia richiesta. Un modo per sottolineare l’importanza della cultura proprio mentre, in città, molte librerie chiudono, il servizio delle biblioteche spesso risente delle norme imposte dall’emergenza sanitaria e i teatri e i luoghi culturali, in genere, sono in sofferenza. Un’occasione per ribadire che le istituzioni devono ricominciare a investire e a fare cultura insieme alle persone e alle associazioni che insistono nei singoli territori.”

Immagine in apertura © Ada Natali

L’articolo La settima arte in una biblioteca di quartiere sembra essere il primo su Tutto Digitale.

Dogtooth (recensione BD)

Dogtooth, diretto da Yorgos Lanthimos, è stato candidato all’Oscar® come miglior film straniero e premiato a Cannes nella sezione Un certain regard 

Attore, sceneggiatore, produttore e regista, il greco Yorgos Lanthimos – con appena sette film diretti dal 2001 (anno del debutto nel lungometraggio, dopo numerose esperienze fra videoclip, teatro, pubblicità) – si è comunque collocato nel ristretto numero di registi di culto apparsi nel nuovo millennio, con opere originali come The Lobster (2015) e Il sacrificio del cervo sacro (2017) oppure come il più recente La favorita (2018), che ha fatto incetta di nomination e anche di premi.

Dogtooth

Questo Dogtooth (del 2009, ma distribuito al cinema in Italia con oltre 10 anni di ritardo), è un film decisamente surreale, una storia incredibile, ‘privativa’, ma verosimile, in qualche modo un’allegoria del potere patriarcale, e, in sostanza, del potere dittatoriale tout court.
Un film difficile, per una serata all’insegna della riflessione.
Edizione AV più che adeguata al minimalismo formale della storia; come extra trailer e scene eliminate

Film: 7/10
Wow: 6/10
Tecnica: 7/10
Extra: 7/10
Overall: 7/10

 

Dogtooth
Drammatico – Lucky Red
di Yorgos Lanthimos, con Christos Stergioglou, Michele Valley, Angeliki Papoulia, Mary Tsoni, Hristos Passalis, Anna Kalaitzidou; 2009; 93’;
DTS-HD MA 5.1 (italiano, greco); sottotitoli italiano, italiano nu, 2,35:1; 16,90 euro

Dogtooth

L’articolo Dogtooth (recensione BD) sembra essere il primo su Tutto Digitale.

Il giardino segreto (recensione BD)

Arriva in BD Il Giardino Segreto, un film per tutta la famiglia, dagli stessi produttori della saga di Harry Potter e Paddington, ma anche Gravity e C’era una volta a… Hollywood

Un classico della letteratura per ragazzi, un libro di culto scritto oltre un secolo fa da Frances Hodgson Burnett (l’autrice de Il piccolo Lord e La piccola principessa). Un vero evergreen, che non a caso ha avuto l’onore di ben sei adattamenti televisivi ed altrettanti cinematografici. Quello che vi presentiamo qui è l’ultimo destinato al grande schermo, del 2020.

Il Giardino Segreto

Un film per giovanissimi, insomma, ma non solo. Diciamo un film buono per la famiglia, che in effetti – sotto un’apparenza di semplicità – nasconde anche temi più profondi, relativi ai rapporti fra ragazzi e fra questi e gli adulti.

Il Giardino Segreto

L’edizione su BD proposta da Lucky Red mostra una resa visiva corretta anche nelle numerose sequenze in scarsa luce, accompagnata da un suono spettacolare quanto basta. Diversi extra costituiscono degna cornice di un quadro decisamente interessante.

Film: 8/10
Wow: 7/10
Tecnica: 8/10
Extra: 8/10
Overall: 8/10

Il giardino segreto
Drammatico – Lucky Red
di Marc Munden, con Colin Firth, Julie Walters, Dixie Egerickx; 2020; 100’;
DTS-HD MA 5.1 (italiano, inglese); sottotitoli italiano, italiano nu, 1,85:1; 14,90 euro

Il Giardino Segreto BD

L’articolo Il giardino segreto (recensione BD) sembra essere il primo su Tutto Digitale.