Informatica

Auto Added by WPeMatico

Transcend, schede e lettore CFexpress Type B

Da Transcend, azienda specializzata nella produzione di memorie digitali e prodotti multimediali, arrivano la scheda  CFexpress 820 Type B e il lettore di schede dello stesso formato, siglato B RDE2

Studiate per le crescenti esigenze – in termini di capacità e velocità di trasferimento – dei nuovi sistemi di ripresa foto e video, quindi per fotografi e videomaker esigenti, arrivano sul mercato due prodotti firmati Transcend.

Parliamo innanzitutto della scheda di memoria CFexpress 820 Type B, caratterizzata dall’interfaccia NVMe PCIe Gen 3×2 integrata, che offre velocità di lettura/scrittura rispettivamente fino a 1.700 MB/s e 1.300 MB/s. La scheda è disponibile con capacità di memoria di 256 e  512GB, valori sufficienti per memorizzare video in 4K e una quantità enorme di foto RAW.

C’è da aggiungere che queste schede di memoria sono state testate anche in condizioni di temperatura estrema, da -10°C a 70°C, e dunque sono caratterizzate dalla massima affidabilità anche nelle condizioni critiche di ripresa.

Trascend RDE2

E veniamo al lettore di schede RDE2, evidentemente progettato per le schede CFexpress. Grazie all’interfaccia USB 3.2 Gen 2×2, questo player offre un trasferimento dati di 20 Gbps, valore che facilita il trasferimento dei file da un dispositivo all’altro. Transcend fornisce a corredo del lettore sia cavi USB Type-A che Type-C, per connettere il lettore ad ogni tipo di dispositivo.

Dal punto di vista costruttivo, l’RDE2 si caratterizza per il contenitore in alluminio, resistente all’acqua e ai graffi; il rivestimento esterno è protetto da una cover in silicone che è resistente alle alte temperature. L’unità – che si presenta in color grigio titanio – è compatta (75.9 mm x 53.5 mm x 14.7 mm) e leggera (appena 82 g), a vantaggio della massima trasportabilità.

Per concludere, da segnalare che le schede CFexpress 820 Type B sono protette da una garanzia limitata di cinque anni, mentre il lettore di schede RDE2 ha una garanzia limitata di due anni.

https://www.transcend-info.com/

L’articolo Transcend, schede e lettore CFexpress Type B sembra essere il primo su Tutto Digitale.

I social? Possono attendere

Garante privacy e Telefono Azzurro insieme con uno spot – quanto mai opportuno – per sensibilizzare i genitori a stare attenti al modo in cui  i più giovani passano il tempo sui social

Non c’è bisogno di ricordare le ultime tragedie determinate più o meno direttamente dall’uso e soprattutto dall’abuso dei social network da parte dei più giovani, E non è questa la sede per ricordare, in generale, i pericoli nascosti (dalle truffe informatiche in poi) non solo nei social ma in generale nelle varie possibilità offerte da Internet, che dovrebbero suggerire prudenza ed attenzione massima non solo ai giovanissimi.

Ciò premesso, ci piace invece segnalare una opportuna iniziativa realizzata dal Garante per la protezione dei dati personali, in collaborazione con Telefono Azzurro, dedicata proprio al tema della protezione dei minori sui social network. Il claim dello spot è inequivocabile: “Se non ha l’età, i social possono attendere“.

La campagna si riferisce a TikTok – piattaforma rivolta ai giovanissimi e tristemente assurta agli onori di cronaca per la recente tragedia della bambina di Palermo – a cui il Garante ha imposto nei giorni scorsi misure a tutela dei più piccoli.

La campagna, in onda sulle reti Rai, Sky, Mediaset, La 7, è partita in concomitanza con la nuova politica di TikTok, studiata per evitare che si iscrivano alla piattaforma i minori di 13 anni.

L’obiettivo principale dello spot nello specifico è certamente quello di suggerire ai genitori la massima attenzione, svolgendo un ruolo attivo di vigilanza in particolare nel momento in cui verrà richiesto ai figli di indicare la loro età per accedere a Tik Tok.

Crediamo però che lo spot in generale costituisca un esplicito invito a controllale la corretta gestione dei moderni strumenti di comunicazione a disposizione anche dei giovanissimi. Non possiamo non essere assolutamente d’accordo: come sempre, prevenire è meglio che curare!

https://www.gpdp.it/

Tik Tok Privacy

L’articolo I social? Possono attendere sembra essere il primo su Tutto Digitale.

Eizo, tre nuovi monitor per chi lavora con le immagini

Attiva, distributore Eizo in Italia, ha presentato tre nuovi monitor prodotti dall’azienda giapponese: FlexScan EV2495, EV2795 ed EV3895

Diciamo subito, per raffreddare gli entusiasmi, che non si tratta di modelli studiati per le arti grafiche, o i fotografi e videomaker professionisti, ma ‘solo’ di monitor studiati per migliorare l’esperienza lavorativa in ufficio e magari anche in casa, in smart working, per la creazione di postazioni di lavoro moderne e versatili. E scusate se è poco…

Per questa ragione, prestazioni a parte, i nuovi modelli sono caratterizzati da un look minimalista ed elegante, una connettività molto estesa e funzionalità nel segno dell’uso ‘confortevole’ possibile per la propria area operativa sia in ufficio che a casa. Si parte da un 24,5’’ (Eizo EV2495) e da un 27” (Eizo EV2795) ideali per le applicazioni multi-monitor, che si propongono come il miglior compagno di lavoro di tutti i giorni. A completare la gamma è il monitor 37,5’’ curvo (Eizo EV3895). Questo modello offre un’area di lavoro estremamente spaziosa con un piacevole effetto immersivo.

La nuova gamma comprende innanzitutto due modelli 16:9 da 24 e 27 pollici, siglati FlexScan EV2495 e EV2795, con risoluzione rispettivamente di 1.920 x 1.200 e di 2.560 x 1.440 pixel. Caratterizzati da cornice molto sottile e pannello IPS (con rapporto di contrasto max di 1000:1 e luminosità fino a 350 cd/m2.), questi modelli dispongono di connessione USB-C e possono essere utilizzati come docking station, per il collegamento delle periferiche direttamente al monitor anziché al computer. Grazie alla tecnologia Daisy Chain (su uscita USB-C), è poi possibile configurare applicazioni multischermo, mentre due porte upstream permettono di usare il monitor come KVM switch se si desidera condividere mouse e tastiera per controllare più PC in maniera alternata direttamente dal display.

Passiamo ora al FlexScan EV3895, pensato per chi ha bisogno di uno schermo molto ampio per quale gestire diverse applicazioni, finestre e anche sorgenti. Si tratta di un modello con design curvo con cornici sottilissime, EV3895 con aspect ratio di 24:10 e diagonale da 37,5’’, e risoluzione di 3.840 x 1.600 pixel, per fornire un’esperienza totalmente immersiva.

Anche in questo caso è adottato un pannello IPS, mentre dal punto di vista della versatilità, da segnalare la USB-C con funzione Power Delivery, la porta LAN, svariate connessioni e da funzionalità come il Picture-by-Picture, che permette di visualizzare il contenuto di tre computer contemporaneamente, a vantaggio del risparmio di spazio sulla scrivania, nonostante le dimensioni “ultra” del display. Le funzioni ergonomiche e di efficienza energetica (denominate EIZO EcoView) offrono il miglior compromesso fra risparmio energetico e migliori condizioni di visione e lavoro tout court. Questo monitor soddisfa pienamente gli standard ambientali, ergonomici e di sostenibilità più rigorosi (TCO Certified Generation 8, EPEAT ed EnergyStar), mentre tutti i nuovi modelli sono prodotti direttamente negli stabilimenti EIZO secondo il sistema di gestione ambientale certificato ISO 14001.
Per finire, da segnalare che tutti i modelli FlexScan sono coperti da una garanzia di ben 5 anni e sono disponibili in Italia (presso gli Apple Premium Reseller, e gli e-shop di Euronics, Graphiland, Ollo Store e GoCamera) ai seguenti prezzi al pubblico: FlexScan EV2495, 670 euro; FlexScan EV2795, 850 euro: FlexScan EV3895, 1793 euro

www.eizo.com

L’articolo Eizo, tre nuovi monitor per chi lavora con le immagini sembra essere il primo su Tutto Digitale.

microSD Lexar Professional 1066x serie Silver, piccola e veloce

Una scheda al passo dei tempi, adatta alle utilizzazioni più impegnative: si tratta di una microSD prodotta dall’azienda specializzata Lexar, e si chiama Professional 1066x serie Silver

Registrare foto in alta qualità e video in Full-HD 4K UHD – rapidamente – anche in situazioni movimentate, utilizzando camere sportive, droni e smartphone Android: è questa la ragion d’essere della nuova microSD Lexar Professional 1066x, che costituisce un supporto affidabile (è impermeabile, e resistente a urti, vibrazioni e raggi X).

La scheda è progettata per trasferire i dati velocemente (con velocità di lettura fino a 160MB/s e di scrittura fino a 120MB/s,  grazie alla tecnologia UHS-I) ed è di Classe 10, UHS Speed Class 3 (U3) e classe di velocità Video 30 (V30); in altre parole, garantisce le prestazioni necessarie per sfruttare al massimo le potenzialità degli strumenti moderni, e costituisce un’ottima soluzione anche per le applicazioni su smartphone e tablet Android (è possibile lanciare e archiviare le app in un attimo e direttamente sulla scheda di memoria).

Le schede microSD Lexar Professional 1066x sono attualmente disponibili nelle capacità di 64, 128 e 256 GB, con prezzi che partono da 34,90 Euro.

Lexar è uno dei marchi distribuiti da Nital

L’articolo microSD Lexar Professional 1066x serie Silver, piccola e veloce sembra essere il primo su Tutto Digitale.

Lexar NQ100, un SSD 2,5” SATA III in tre capacità

Tre proposte Lexar di SSD 2,5” SATA III con capacità diversa, 240, 480 e 960 GB, tre soluzioni per aggiornare desktop o laptop

Dalla specializzata Lexar, arriva una nuova unità SSD (Solid State Drive) siglata NQ100 2,5” SATA III (6Gb/s), adatta ad un aggiornamento del computer portatile o desktop in termini di miglioramento delle prestazioni del sistema, con maggiore velocità negli avvii, nei trasferimenti di dati e nel caricamento delle applicazioni. Il nuovo dispositivo offre infatti una velocità in lettura fino a 550MB/s.

Come ogni unità SSD, rispetto a un tradizionale Hard Disk Drive, l’NQ100 è resistente agli urti e alle vibrazioni, ed è caratterizzata da minor consumo energetico e contemporaneamente una ridotta emissione di calore, oltre che da un funzionamento più silenzioso. In altre parole, si tratta di una soluzione di memorizzazione potenzialmente più affidabile.

La SSD NQ100 di Lexar è disponibile in tre ‘taglie’, ovvero tre diverse capacità, 240, 480 e 960 GB, ad un prezzo consigliato rispettivamente di 32,99, 54,99, e 99,99 euro.

www.lexar.com

L’articolo Lexar NQ100, un SSD 2,5” SATA III in tre capacità sembra essere il primo su Tutto Digitale.

Plustek OpticFilm 120 Pro, lo scanner del fotografo

Risoluzione ottica di ben 5300 dpi, profondità colore di 48-bit, dotazione software ottima ed abbondante. Sono le caratteristiche principali dell’OpticFilm 120 Pro di Plustek, scanner studiato per la scansione di fotografie: pellicole da 35 e 120 mm, diapositive da 35mm e fotocolor

Di recente abbiamo presentato su web (e provato su Tutto Digitale 140) uno prodotto Plustek, il modello OpticSlim 1680, uno scanner piano in formato A3 (adatto dunque alla scansione di libri e riviste anche di notevoli dimensioni). Questa volta invece vi proponiamo un altro prodotto dell’azienda taiwanese, che ha una vasta gamma di scanner consumer e professionali per tutte le esigenze. Stiamo parlando del modello OpticFilm 120 Pro, edizione aggiornata e migliorata del precedente OpticFilm 120.

L’OpticFilm 120 Pro è studiato per i fotografi, amatori o professionisti, visto che offre – in un ingombro piuttosto limitato, che permette un agevole collocazione su qualsiasi scrivania – la possibilità di processare film strip da 35 e 120 mm, diapositive da 35mm e fotocolor con dimensione fino a 60×120”.

L’apparecchio è pensato per offrire la massima comodità d’uso e le migliori prestazioni. Queste ultime si basano su una risoluzione ottica di ben 5300 dpi con una profondità colore di 48 bit, a vantaggio di una possibilità di cattura anche dei minimi dettagli e di una gamma tonale molto estesa, mentre la sorgente luminosa a LED aiuta ad eliminare i problemi di riflessi e fughe di luce. Una sorgente all’infrarosso integrata permette poi di rimuovere polvere e graffi sugli originali direttamente durante il processo di scansione. Per migliorare l’esperienza d’uso e velocizzare i flussi di lavoro, il nuovo OpticFilm 120 Pro riconosce e gestisce tre diverse tipologie di supporti pellicola, e permette di iniziare la scansione degli originali appena questi vengono inseriti nello scanner. Per la gestione delle immagini, in bundle è fornito il software LaserSoft SilverFast Ai Studio 8 per OpticFilm 120 Pro, un applicativo di fascia alta firmato LaserSoft Imaging per sfruttare al meglio le caratteristiche dello scanner. Con una slide 6×7 IT8 e  la funzione di calibrazione Auto IT8, inoltre, SilverFast Ai Studio 8 permette la taratura dei colori semplice e rapida.

In dotazione ci sono poi anche SilverFast Multi-Exposure, che permette di agire sulla gamma dinamica eliminando efficacemente il rumore, SilverFast iSRD, per la rimozione di polvere e graffi, e NegaFix, che trasforma i negativi in positivi e che offre oltre 120 profili pellicola già preimpostati, mentre la connessione avviene via USB 3.0.

Il nuovo Plustek OpticFilm 120 Pro è disponibile a un prezzo al pubblico di 2.199 Euro, IVA inclusa.

www.plustek.com/it

L’articolo Plustek OpticFilm 120 Pro, lo scanner del fotografo sembra essere il primo su Tutto Digitale.

Nikon Webcam Utility, la fotocamera diventa webcam

Webcam Utility è il nome del software che permette di usare le fotocamere reflex e mirrorless Nikon come una webcam. Il software è gratuito, e compatibile con Windows e MacOS

Vista la crescente diffusione delle riunioni online, sempre più di frequente le aziende produttrici di fotocamere digitali propongono software ad hoc per consentire di sfruttare la qualità delle macchine fotografiche come webcam sui generis.

Oggi Nital annuncia il rilascio del software Nikon Webcam Utility che permette di usare le fotocamere digitali Nikon – mirrorless e reflex – come webcam di qualità. In particolare, il software supporta i modelli Z 7II, Z 7, Z 6II, Z 6, Z 5, Z 50, D6, D5, D850, D810, D780, D750, D500, D7500, D7200, D5600, D5500, D5300 e D3500, ed è prevista la compatibilità anche per le future fotocamere Nikon reflex e mirrorless.

Il software – utilizzabile con i computer Windows e MacOS – è già disponibile gratuitamente. Per utilizzarlo, dopo averlo scaricato ed installato su un computer, basta collegare la propria Nikon tramite cavo USB per avere a disposizione la fotocamera come webcam di alta qualità.

L’articolo Nikon Webcam Utility, la fotocamera diventa webcam sembra essere il primo su Tutto Digitale.

Apple: Mac Mini, MacBook Air e MacBook Pro sono i primi con M1

Arrivano i primi Mac dotati di processore M1, che è realizzato direttamente su specifiche dell’azienda californiana e promette prestazioni migliorate e autonomia da record

Debuttano sul mercato i primi computer con il chip M1 di Apple, nuovo SoC della famiglia ‘Apple Silicon‘ sviluppato dall’azienda californiana specificamente per i propri laptop e desktop, che sfrutta un processo produttivo a 5nm per garantire prestazioni di alto livello e autonomia migliorata. I nuovi chip hanno 8 core CPU e 16 core dedicati al machine learning, memoria RAM unificata da 8 o 16 GB e sono in grado di offrire a detta di Apple la frequenza più elevata fra le CPU a basso voltaggio, le migliori performance per watt e la più veloce GPU integrata. Questo si traduce in miglioramenti a livello di prestazioni rispetto al passato fino a 3.5x per la CPU, 6x per la GPU e 15x per il machine learning, il tutto con una autonomia raddoppiata rispetto ai Mac di scorsa generazione. Ad esempio adesso il MacBook Air può riprodurre e editare stream 4K ProRes in Final Cut Pro senza drop di frame, esportare immagini da Lightroom con in doppio della velocità e effettuare chiamate Facetime per il doppio del tempo con una singola ricarica.

Il nuovo sistema operativo Mac OS Big Sur è ottimizzato per sfruttare le caratteristiche dei nuovi processori, permettendo di utilizzare in maniera nativa le App per iPhone e iPad, mentre per assicurare la compatibilità delle vecchie applicazioni c’è la tecnologia Rosetta 2. I computer presentati in questa occasione sono l’inizio di una transizione che – secondo i piani di Apple – impiegherà circa due anni.

Apple M1

Il primo computer desktop in arrivo sul mercato è il Mac Mini, che racchiude nella scocca in alluminio – oltre alla nuova CPU M1 con GPU a 8 core e 8 o 16 GB di RAM – una unità SSD da 256 GB (con opzione fino a 2 TB), due porte Thunderbolt/USB4, due porte USB-A, una HDMI 2.0, una Gigabit Ethernet e un jack cuffie da 3.5″; per le connessioni wireless ci sono il Wi-fi 6 e il Bluetooth 5.0.

Anche MacBook Air è stato rinnovato con il SoC M1: sarà disponibile in due versioni con GPU rispettivamente a 7 o 8 core; fra le altre opzioni di configurazione ci sono poi 8 o 16 GB di RAM e unità SSD con capacità da 256 GB fino a 2 TB. Da citare poi il display da 13,3″ con risoluzione 2560×1600 e luminosità 400 nit, due porte USB 4/Thunderbolt, connessioni Wi-fi 6 e Bluetooth 5.0, webcam FaceTimeHD a 720p, lettore di impronte digitali Touch ID e una uscita per cuffie da 3.5″; l’autonomia dichiarata arriva a quota 15 ore di navigazione web.

Il terzo computer ad adottare il nuovo SoC è il MacBook Pro, che ha l’M1 con GPU a 8 core, 8 GB di RAM (con opzione per i 16 GB) e storage SSD da 256 GB a 2 TB; il display è da 13,3″ con risoluzione 2560×1600 e luminosità 500 nit. Anche qui tra le connessioni ci sono due USB 4/Thunderbolt, Wi-fi 6 e Bluetooth 5.0, e una uscita per cuffie da 3.5″; da citare poi la webcam FaceTime HD a 720p, il Touch ID e la Touch Bar. Nel caso di MacBook Pro l’autonomia dichiarata è di 17 ore di navigazione web.

I nuovi Mac con M1 saranno disponibili a partire dal 17 novembre; i prezzi partono da 819 euro per Mac Mini, 1.159 euro per MacBook Air e 1.479 euro per MacBook Pro.

www.apple.com/it

L’articolo Apple: Mac Mini, MacBook Air e MacBook Pro sono i primi con M1 sembra essere il primo su Tutto Digitale.

Philips E2, monitor per home-office e non solo

Presentata da MMD arriva una nuova serie di quattro monitor Philips pensati per l’uso lavorativo in casa ma che hanno anche funzioni interessanti per il gaming e la riproduzione multimediale tout-court: sono siglati 24E2FA, 27E2FA, 288E2A e 345E2AE

MMD, marchio produttore dei display Philips, annuncia la commercializzazione dei quattro nuovi monitor E2, modelli con design sottile pensati per adattarsi al meglio a contesti di home-office.
I quattro monitor sono siglati 24E2FA, 27E2FA, 288E2A e 345E2AE (nella foto), ed hanno dimensioni di 23.8, 27, 28 e 34 pollici rispettivamente. I primi tre modelli hanno poi rapporto d’aspetto 16:9, mentre l’ultimo ha un formato 21:9 e, per quanto riguarda la risoluzione, i modelli 242E2FA e 272E2FA hanno pannelli 1920×1080, 288E2A ha un pannello 3840×2160 e 345E2AE ha un pannello da 3440×1440 pixel.

Tutti i monitor offrono connessioni DisplayPort e HDMI e sono caratterizzati da SmartContrast e SmartImage, tecnologie che analizzano i contenuti regolando automaticamente i colori, l’intensità della retroilluminazione e i parametri come il contrasto, la saturazione del colore e la nitidezza di immagini e video. Inoltre, sui modelli 2882A e 345E2AE c’è il supporto per il framerate variabile Freesync AMD e la funzione MultiView per lavorare con più dispositivi contemporaneamente.
I monitor della serie E2 hanno poi SmartImage Game Mode, un OSD ottimizzato per i giocatori che permette di regolare il pannello a seconda del tipo di gioco riprodotto, con ad esempio, la modalità FPS (First person shooting) che migliora la riproduzione degli oggetti nascosti nelle aree scure, oppure la modalità Racing che adatta il display al tempo di risposta più veloce; a proposito di rapidità del pannello, da segnalare che anche i modelli entry level 242E2FA e 272E2FA hanno tempo di risposta di 1ms.

I monitor Philips E2 sono disponibili ai prezzi di 149 euro per 24E2FA, 189 euro per 27E2FA, 319 euro per 288E2A e 369 euro per 345E2AE.

www.philips.it

L’articolo Philips E2, monitor per home-office e non solo sembra essere il primo su Tutto Digitale.