Home Theater/HDTV

Auto Added by WPeMatico

LG CineBeam, proiezione fra HD & UHD

Appassionati di cinema? Niente di meglio che attrezzare il proprio salotto in un piccolo home theater, scegliendo una sorgente di qualità adeguata (BD 4K UHD, inutile dirlo), un moderno sistema audio surround e uno schermo televisivo XXL. Anzi, per un vero effetto cinema, perché non usare un videoproiettore?

Fra le tante proposte di videoproiezione degli ultimi tempi, da segnalare due novità firmate LG: arrivano infatti sul mercato i modelli HF65LSR e HU80KG della serie CineBeam.

Il primo apparecchio, il Cinebeam HF65LSR, è basato sull’adozione alla tecnologia a tiro corto. Come è noto, questa offre vantaggi sul fronte della versatilità di installazione, dato che permette di mantenere una minima distanza tra lente e schermo; in tal modo il proiettore può essere posizionato appena sotto o sopra lo schermo di proiezione.

LG CineBeam HF65LSR

In altre parole, non c’è da creare una vera ‘sala’ con punti fissi per l’unità di proiezione e lo schermo,  ma l’unità – leggera e compatta – può anche essere riposta quando non è in uso, non c’è da preoccuparsi dei movimenti degli spettatori lungo il fascio di proiezione e non sono necessari neppure grandi spazi (bastano di 38 cm dalla parete di proiezione per uno schermo da 100 pollici).   

Le caratteristiche tecniche dell’apparecchio, con illuminazione a LED (e lampada LED con durata stimata di 30.000 ore), prevedono risoluzione Full HD (1920 x 1080), con luminosità 1000 Lumen e contrasto di 150,000:1; è integrata una funzione MEMC (Motion Estimation e Motion Compensation), per una resa più fluida.

Ancora, altoparlanti integrati da 3+3W, possibilità di effettuare la correzione Keystone su 4 punti, smart webOS 4.0, Screen Share di LG (per collegare al proiettore dispositivi come PC, smartphone, tablet, set-top box TV e console videogiochi); via Bluetooth è possibile anche connettere speaker portatili o cuffie compatibili per riprodurre l’audio.

LG CineBeam HU80KG

L’altra proposta della serie CineBeam, siglata HU80KG (nella foto sotto al titolo e qui sopra), è invece un modello laser, caratterizzato da risoluzione UHD 3840×2160 con 8.3 milioni di pixel, proiettati con sistema di elaborazione video XPR. Altre caratteristiche: HDR-10, luminosità 2500 lumen, contrasto 150,000:1, zoom 1,2x, doppio speaker da 7+7 watt, Auto Vertical Keystone, Miracast per condividere contenuti da smartphone e tablet. Dimensione massima dello schermo, 150 pollici, ovvero quasi 4 metri.

www.lg.com/it

L’articolo LG CineBeam, proiezione fra HD & UHD sembra essere il primo su Tutto Digitale.

Hisense, qualche dettaglio sui TriChroma Laser TV

L’azienda cinese Hisense ha presentato i TriChroma Laser TV, proiettori a tiro ultra-corto con sorgente laser RGB in grado di coprire una gamma colore molto ampia; arriveranno sul mercato italiano dall’autunno del 2021

Hisense annuncia qualche dettaglio della nuova gamma di TriChroma Laser TV: parliamo non di televisori ma di proiettori a tiro ultra corto accoppiati a schermi da 75 a 100 pollici che sfruttano sorgenti laser RGB per proiettare garantendo una profondità di colore che raggiunge il 107% dello standard BT.2020 e il 151% dello standard DCI-P3, con una luminosità del 20% più elevata a 430 nit rispetto alla media.

I modelli della linea TriChroma Laser TV saranno siglati L9 e arriveranno in Italia a partire dal prossimo autunno; durante il corso della conferenza online al CES 2021 l’azienda ha mostrato la scocca del modello 100L9 Pro ‘Limited Edition’, che integra diffusori surround, display frontale a colori e finiture in oro: qui sotto il video di presentazione.

https://hisense.it

L’articolo Hisense, qualche dettaglio sui TriChroma Laser TV sembra essere il primo su Tutto Digitale.

TCL: display che si arrotolano e TV Mini-LED OD Zero

TCL presenta le novità per il 2021: debuttano i TV con la retroilluminazione a ‘0 millimetri’ e sono sempre più vicini gli OLED che si arrotolano.

Arriveranno sul mercato entro la fine dell’anno i TV TCL Mini-LED OD Zero, ultimo sviluppo nella tecnologia di retroilluminazione dei pannelli del produttore cinese. La sigla OD Zero identifica la distanza di 0 mm tra lo strato di retroilluminazione Mini-LED e lo strato del display LCD (piastra diffusore): una soluzione che permette di ridurre il profilo dei TV e migliorare le caratteristiche di luminosità, uniformità e contrasto.

La prima serie di TV TCL a utilizzare queste innovazioni sarà la C825 (nella foto), con risoluzione 4K e luminosità di picco di 1800 nits; durante l’anno arriveranno poi due serie con retroilluminazione Quantum Dots (siglata C725) e LCD ‘tradizionale’ (siglata P725). L’azienda non ha rilasciato ulteriori dettagli e specifiche, ma sappiamo che le TV 2021 TCL sfrutteranno l’ultima versione di Google TV e supporteranno l’HDR Dolby Vision.

Sempre a proposito di tecnologie display del futuro TCL ha poi mostrato due prodotti che sottolineano le innovazioni nel settore degli OLED: il primo è la ‘pergamena’, ovvero il Display Printed Scrolling arrotolabile da 17 pollici (video del concept qui sopra), realizzato con tecnologia di stampa a getto d’inchiostro, che dovrebbe ridurre il costo di produzione dei pannelli OLED di circa il 20% e adattarsi al meglio a dispositivi flessibili, curvi, pieghevoli e trasparenti. L’altra novità riguarda gli smartphone, con il display portatile AMOLED Rollable da 6,7 ​​pollici: si estende fino a 7,8 pollici tramite un tasto dedicato e un meccanismo di scorrimento – con durata garantita fino a 100.000 aperture – che ‘arriccia’ lo schermo nella scocca.

www.tcl.com/it

L’articolo TCL: display che si arrotolano e TV Mini-LED OD Zero sembra essere il primo su Tutto Digitale.

LG OLED 2021, nuovo pannello EVO e tanto altro

LG presenta i TV della gamma 2021: arrivano Mini LED (QNED), LCD NanoCell e soprattutto i nuovi OLED G1, Z1 e C1 con pannello e processore di ultima generazione

La coreana LG ha mostrato in anteprima tre nuove serie di TV OLED in arrivo sul mercato nel 2021; i modelli della nuova gamma sono siglati G1, Z1 e C1 e portano con loro diverse novità sia per quanto riguarda la tecnologia del pannello che le caratteristiche ‘smart’.

La nuova tecnologia si chiama OLED Evo, promette pannelli più luminosi ed efficienti ed è al momento esclusiva dei TV serie 4K UHD G1 (foto in apertura, con la base ‘Gallery stand’ opzionale compatibile anche con i TV C1), che saranno disponibili in tagli da 55, 65 e 75 pollici. I modelli G1 adottano il nuovo processore Alpha 9 Gen 4 AI con deep learning che riconosce oggetti, volti e scene riprodotte e ottimizza automaticamente i parametri delle immagini. Il processore incopora poi nuove funzioni AI Sound Pro, con surround virtuale 5.1.2 e funzioni che normalizzano il volume in automatico quando si cambia canale e sorgente. I TV – come tutti gli OLED 2021 presentati oggi – includono poi il supporto completo per HDMI 2.1 con eARC, VVR, HFR e 4K HDR a 12 bit.LG Z1Per chi non si accontenta del 4K UHD, ecco i modelli 8K Z1 (foto qui sopra), disponibili in versione da 77 e 88 pollici: i TV non hanno il pannello con la tecnologia Evo ma sfruttano sempre il processore Alpha 9 Gen 4 AI e offrono il supporto HDMI 2.1 completo.

LG C1La serie C1 (foto qui sopra) è quella che sostituisce la serie CX, uno dei ‘best-buy’ del 2020: arriveranno vari modelli  in tagli compresi fra i 48 e gli 83 pollici. Visto che i modelli della scorsa stagione hanno hanno riscosso un ottimo successo fra i gamer, LG ha inserito sui TV 2021 la funzione Game Optimizer, che utilizza il nuovo processore per racchiudere in un unico menu tutti i settaggi dedicati ai giochi e selezionare automaticamente le impostazioni video più adatte a seconda del gioco; questo – in aggiunta al pannello dotato di un tempo di risposta di 1 ms e alle funzioni HDMI 2.1 complete con supporto G-Sync e FreeSync – dovrebbe rendere i modelli C1 una soluzione ideale per console e GPU di ultima generazione.

Sul piano delle funzioni ‘smart’ il produttore coreano ha aggiornato la propria interfaccia webOS alla versione 6.0: da citare una nuova schermata con accesso rapido alle App più utilizzate, supporto per il servizio di gaming in streaming Google Stadia (dalla metà del 2021), nuovi comandi vocali compatibili con Google Home e Amazon e Alexa e un nuovo telecomando con NFC per la condivisione rapida di contenuti da smartphone e tasti dedicati ai principali servizi di streaming video.

Oltre agli OLED il produttore coreano ha presentato anche i tre modelli di TV con tecnologia Quantum Dot e retroilluminazione Mini LED, siglati QNED99, QNED95 e QNED90; non sono stati rilasciati molti dettagli su dimensioni e tecnologia, ma sappiamo che integreranno la nuova CPU e le funzioni HDMI 2.1 complete. Nel corso del 2021 sono in arrivo anche le nuove serie TV NanoCell LED Nano99, Nano95, Nano90 e Nano85.

www.lg.com/it

L’articolo LG OLED 2021, nuovo pannello EVO e tanto altro sembra essere il primo su Tutto Digitale.

Samsung punta sul Neo QLED per i TV 2021

Samsung ha presentato i TV top di gamma in arrivo sul mercato nel 2021; la novità principale di QN900A e QN90A è la tecnologia Neo QLED che sfrutta una nuova sorgente luminosa a Mini LED.

Sono siglati QN900A (risoluzione 8K, nella foto) e QN90A (risoluzione 4K UHD) i nuovi TV di punta firmati Samsung; pur essendo basati sempre su pannelli LCD, hanno una nuova sorgente luminosa, denominata Quantum Mini LED e controllata dalla tecnologia Quantum Matrix e dal processore Neo Quantum di nuova generazione.

I Quantum Mini LED misurano 1/40 di un LED convenzionale ed utilizzano micro-strati sottili che ne aumentano la densità, per consentire un controllo preciso della retroilluminazione e aumentare contrasto e scala della luminanza (fino a 12 bit con 4096 livelli). Il nuovo processore Samsung Neo Quantum ha funzionalità di upscaling che utilizzano fino a 16 diverse modelli di rete neurale per ottimizzare la qualità dell’immagine indipendentemente dalla risoluzione del materiale sorgente.

I TV Samsung 2021 sfruttano poi l’intelligenza artificiale per Object Tracking Sound Pro e SpaceFit Sound, funzioni che analizzano la scena a schermo e l’ambiente in cui è installato il TV per ottimizzare la riproduzione sonora.

Il modello 8K QN900A ha un design che il produttore coreano chiama “Infinity One”, con cornice estremamente ridotta e box esterno che si collega alla base del TV per un’installazione semplice e un’estetica pulita.

Diverse anche le novità riguardanti la sezione ‘smart’: l’App Samsung Health ha funzioni di allenamento con un personal trainer virtuale che traccia la postura durante gli esercizi, mentre arrivano anche novità pensate per facilitare lo smart working con l’App Easy Connection che connette la TV al PC e il supporto a MS Office 365 tramite browser web. Da citare anche la possibilità di utilizzare lo smartphone ed una webcam per effettuare videochiamate con Google Duo e le tecnologie per il gaming con opzioni ultra-wide e FreeSync.

Samsung ha poi annunciato un percorso definito “Going Green” a favore di una maggiore sostenibilità ambientale; oltre al miglioramento dell’efficienza energetica ed al design eco-sostenibile del packaging degli apparecchi AV, i TV 2021 saranno dotati di un telecomando realizzato parzialmente in materiale riciclabile che può essere ricaricato dalla luce del sole e dalle luci di casa o tramite USB; secondo il produttore coreano questa scelta permetterà di eliminare lo scarto di 99 milioni di batterie AAA in sette anni.

Oltre ai TV Neo QLED 8K e 4K, Samsung ha presentato infine un refresh del TV ‘lifestyle’ The Frame (foto qui sotto), caratterizzato dal nuovo look più sottile e da cinque opzioni di colore, in due stili, per le cornici personalizzabili.

Samsung frame 2021www.samsung.com

L’articolo Samsung punta sul Neo QLED per i TV 2021 sembra essere il primo su Tutto Digitale.

Sony Bravia TV XR: 8K LED, OLED e nuovo processore

Annunciata da Sony la gamma di televisori Bravia per il 2021, dotata del nuovo processore che sfrutta l’”intelligenza cognitiva”: i modelli sono i ‘Master’ 8K LED Z9J e OLED A90J e A80J e i 4K LED X95J e X90J.

Sony ha presentato i nuovi modelli di TV in arrivo sul mercato durante l’anno. La novità principale è quella che riguarda le serie Bravia XR, caratterizzate dall’adozione di un nuovo sistema di elaborazione immagine Cognitive Processor XR. Una tecnologia basata su quella che l’azienda definisce “intelligenza cognitiva”: divide lo schermo in zone e rileva i punti dell’immagine su cui il cervello umano si focalizza in maniera inconscia, e adatta di conseguenza i parametri della scena. La tecnologia analizza anche l’immagine per ottimizzare il suono e offrire un audio Surround 3D simulato. Tutti i nuovi Bravia XR saranno dotati di piattaforma Google TV, compatibilità HDMI 2.1 con supporto alla riproduzione 4K a 120 fps e VRR e supporto per Smart Speaker ed assistenti vocali.Sony Bravia Z9JAl top della gamma c’è la serie 8K LED Z9J Master – foto qui sopra, in versione da 75 ed 85 pollici. Questi modelli hanno una scocca ‘One Slate’ che racchiude lo schermo in un singolo pannello di vetro e un piedistallo a tripla configurazione pensato per adattarsi a diverse esigenze di installazione.
I TV hanno pannelli LED Full Array e le tecnologie di trattamento immagine XR Triluminos Pro, XR Contrast Booster, XR Motion Clarity e XR 8K Upscaling. I TV sono dotati di trattamento X-Anti Reflection per minimizzare i riflessi, supportano Dolby Vison e Dolby Atmos e le modalità Netflix Calibrated Mode e IMAX Enhanced garantiscono la fedeltà del look del materiale rispetto alle intenzioni originali degli autori.

Sony A90JPer quanto riguarda gli OLED, ecco la serie A90J Master – foto qui sopra – che sarà disponibile in modelli con risoluzione 4K UHD da 55″, 65″ e 83″: i TV condividono il design One Slate (in questo caso con piedistallo a doppia configurazione) e gran parte delle caratteristiche con i modelli della gamma 8K, ma il pannello OLED è dotato di tecnologia XR OLED Contrast che innalza la luminosità per migliorare il rapporto di contrasto. Presente inoltre la tecnologia Acoustic Surface Audio+ che sfrutta la superficie del pannello per offrire un posizionamento del suono preciso con audio surround.

Ecco poi gli OLED A80J, 4K UHD da 55″, 65″ e 77″, caratterizzati dal design One Slate con piedistallo a tripla configurazione. Sono posti su un gradino inferiore nella gamma rispetto ai modelli OLED Master perché, pur condividendo la stragrande maggioranza delle caratteristiche con questi ultimi, manca il pannello con le funzioni di nuova generazione XR OLED Contrast.Sony X95JAl top della gamma Bravia XR LED 4K UHD ci sono i TV X95J – foto qui sopra, tre modelli da 65″, 75″ e 85″. Design One Slate con piedistallo a tripla configurazione,  pannelli LED Full Array con XR Triluminos Pro, tecnologie X-Wide Angle e X-Anti Reflection sono le caratteristiche principali di questi televisori, che integrano tutte le tecnologie del nuovo Cognitive Processor XR di cui parlavamo in apertura.

Chiude la carrellata sui TV Bravia 2021 dotati di processori XR la serie 4K UHD LED X90J – priva del design One Slate e dotata di pannello LED Full Array con XR Triluminos Pro – che sarà disponibile in tagli da 50″, 55″, 65″ e 75″.

In aggiunta ai Bravia XR Sony prevede poi il lancio per il 2021 di altre serie di TV LED 4K che utilizzano il processore X1 della passata generazione; sono siglate X85J e X81J.

Da citare infine che nei nuovi TV Sony Bravia XR sarà preinstallata l’App per accedere al nuovo servizio di streaming 4K Bravia Core, che permetterà di riprodurre diversi titoli dal catalogo Sony Pictures con risoluzione 4K HDR e bitrate con picchi di 80 Mbps, un valore ben maggiore rispetto ai servizi di streaming più diffusi e quasi al livello della riproduzione da Blu-ray Disc 4K. Al momento sembra che il servizio sia stato confermato per diversi paesi europei, ma ancora non sono definiti i piani per l’Italia; l’eventuale conferma dovrebbe arrivare nei prossimi giorni.

Di seguito il video di presentazione dei top di gamma 8K LED Z9J Master

www.sony.it

L’articolo Sony Bravia TV XR: 8K LED, OLED e nuovo processore sembra essere il primo su Tutto Digitale.

TV MicroLED 110″, il top della tecnologia Samsung

Samsung annuncia la commercializzazione – per l’inizio del prossimo anno – del TV MicroLED da 110″; si tratta di un modello per pochi fortunati che offre uno sguardo al futuro dei display dell’azienda coreana

Samsung annuncia l’arrivo sul mercato del TV MicroLED da 110″; il display adotta la tecnologia già mostrata dall’azienda coreana in altre occasioni, che sfrutta moduli LED autoemissivi RGB, eliminando la necessità di filtri e sorgenti per la retroilluminazione. Grazie ai Micro LED è possibile riprodurre il 100% della gamma di colori DCI e Adobe RGB e spegnere individualmente i singoli pixel per un livello del nero che non ha nulla da invidiare agli schermi con tecnologia OLED. I MicroLED sono realizzati con materiali inorganici che garantiscono una durata fino a 100.000 ore.

Il TV ha risoluzione 4K Ultra HD, supporta l’HDR e adotta il nuovo Micro AI Processor; la funzione Multi View permette di riprodurre fino a quattro contenuti contemporaneamente su un’area equivalente a 55″.
Per quanto riguarda il design va segnalata la quasi totale rimozione di bordi e cornice, con un rapporto screen/body del 99,99%. Il sistema audio integrato si chiama Majestic Sound System, supporta 5.1 canali ed ha la funzione Object Tracking Sound Pro che identifica gli oggetti a schermo e riproduce il suono seguendo le azioni.

Il  TV Samsung MicroLED da 110″ sarà disponibile a livello globale nel primo trimestre del 2021; il prezzo ufficiale ancora non è stato dichiarato ma, presumibilmente, sarà superiore ai 100.000 euro.

www.samsung.com/it

L’articolo TV MicroLED 110″, il top della tecnologia Samsung sembra essere il primo su Tutto Digitale.

Epson, proiettori per casa ed ufficio

Sono siglati EB-W51, EB-FH06, EH-TW750, e EH-TW5820, quattro videoproiettori Epson studiati per l’home entertainment e il lavoro

Epson ha una tradizione importante nel mondo della videoproiezione, con modelli SOHO che negli anni passati hanno avuto una grande diffusione in ufficio e altri home theater che hanno permesso la realizzazione di tanti cinema in casa di alte prestazioni e prezzi contenuti. I nuovi videoproiettori lanciati sul mercato in questa fine di anno mantengono, in molti casi, le caratteristiche per essere utilizzati sia in casa, da appassionati dell’home entertainment e del gaming, che in ufficio, per lavoro.

Parliamo di modelli che adottano la tecnologia 3LCD, una scelta collaudata di Epson, con funzione di correzione trapezoidale automatica – orizzontale e verticale – che facilita l’installazione in qualsiasi ambiente. E, ancora, da segnalare le funzioni iProjection, per condividere i contenuti dai dispositivi mobili, e Split Screen, che permette di proiettare due immagini contemporaneamente.

Epson EB-W51

Diamo un’occhiata a qualche prodotto degno di nota, iniziando da due modelli polivalenti. L’EB-W51 (nella foto qui sopra) è definito dalla Epson un vero jolly, ideale per il tempo libero, a casa, che per le presentazioni in ufficio, ed offre una proiezione di grandi dimensioni: lo schermo può arrivare a 320 pollici di diagonale (oltre 8 metri!). Prezzo 812,31 euro (IVA inclusa, come per gli altri modelli presentati).

La stessa Epson definisce invece l’EB-FH06 un ‘campione di luminosità’ per il notevole valore fornito (3.500 lumen). Prezzo come il precedente, ovvero 812,31 euro.

Passiamo ad un paio di modelli home cinema, partendo dall’Epson EH-TW750, un Full HD da 3.400 lumen in vendita a 913,99 euro. Infine, due parole sull’Epson EH-TW5820 (nella foto in apertura, sotto al titolo), studiato per gli appassionati di home entertainment e gaming. I primi apprezzeranno la funzionalità Android TVT per l’intrattenimento in streaming senza necessità di dispositivi esterni, e la possibilità di parlare con l’Assistente Google e di condividere i contenuti del telefono. I secondi hanno a disposizione una serie di funzioni speciali, tra cui da segnalare l’opzione per ottenere un’immagine ultra-grandangolare per un’esperienza di gioco davvero coinvolgente. Il prezzo è di 1.320,65 euro. www.epson.it

L’articolo Epson, proiettori per casa ed ufficio sembra essere il primo su Tutto Digitale.

Powersoft MeMo, la mia sedia suona il rock 

Un sistema semplice ed efficace per aumentare l’emozione d’ascolto trasformando una sedia o una poltrona in una ‘centrale di basse frequenze’, grazie ad un sistema con trasduttore tattile ed amplificazione ad hoc

Poco nota al grande pubblico, Powersoft è in realtà un’azienda italiana fondata nel 1995 con solida reputazione nel mondo audio pro, in particolare nella realizzazione di amplificatori compatti e leggeri, ma di alta potenza.

Con il nuovo prodotto denominato MeMo l’azienda fiorentina debutta ora in nuovi segmenti di mercato, in casa, per utilizzazioni home cinema e videogames.

Basandosi sulla propria esperienza di tecnologia innovativa, Powersoft propone una soluzione originale per un nuovo approccio all’ascolto. In sostanza, MeMo è un sistema di amplificazione e diffusione sonora per le frequenze ultra bassa, capace di ridefinire l’esperienza nell’intrattenimento con un nuovo ‘strato’ di suono; uno strato che può essere ‘avvertito, oltre che ‘sentito’.

Il sistema comprende un trasduttore tattile e una piattaforma di amplificazione ottimizzata per un funzionamento simbiotico; a detta di Powersoft, si tratta di una soluzione in grado di superare i limiti fisici dei sistemi tradizionali per fornire suoni che si estendono ben al di sotto delle frequenze subarmoniche.

Il risultato pratico è un’immersione emotiva notevole, che in qualche modo coinvolge l’ascoltatore intimamente, che si tratti di musica ‘pura e dura’ oppure della colonna sonora di un film o gioco.

Caratterizzato da varie opzioni di montaggio, MeMo può essere fissato agevolmente a qualsiasi sedia da gioco, o aggiunto alla poltrona di un salotto/home cinema, appena estratto dalla scatola.

In altre parole, qualsiasi ‘sedia’ si trasforma nel punto ideale dell’azione per vivere un’esperienza completamente coinvolgente.

Powersoft MeMo

MeMo dispone di tre preset comodamente accessibili dal retro dell’amplificatore, che permettono di scegliere la propria configurazione audio preferita.

I giocatori possono impostare l’amplificatore professionale (in classe D) per ridurre le frequenze di risonanza tra 20 e 40 Hz, ed ottenere un feedback più realistico e immediato. I ‘sim racer’, gli appassionati di corse di automobilismo al simulatore potranno godere di una guida più realistica, ‘sentendo’ la strada sotto il sedile.

Per aggiungere profondità extra al proprio home cinema, l’emissione di MeMo può essere regolato in vario modo, grazie a controlli ad hoc e preset adatti alle diverse situazioni.

In conclusione, l’azienda fiorentina afferma che MeMo invita gli utenti non solo a vedere ed ascoltare una storia, ma a viverla veramente. Provare per credere!

www.powersoft.com

L’articolo Powersoft MeMo, la mia sedia suona il rock  sembra essere il primo su Tutto Digitale.